ULTIME NEWS
Home > Coppe Europee > Supercoppa Europea 2018, trionfo Atletico nel derby di Madrid
Supercoppa Europea 2018, trionfo Atletico nel derby di Madrid

Supercoppa Europea 2018, trionfo Atletico nel derby di Madrid

Va all’Atletico Madrid il primo trofeo ufficiale della stagione: la squadra guidata da Diego Pablo Simeone vince la Supercoppa Europea 2018 battendo per 4-2 i cugini del Real Madrid al termine della sfida giocata alla Le Coq Arena di Tallinn.

Si tratta del primo vero banco di prova dei nuovi Blancos senza il suo uomo simbolo: privi di Cristiano Ronaldo, nonché del condottiero delle ultime tre stagioni Zinedine Zidane, i campioni d’Europa si inchinano ai meno quotati cugini dopo un match deciso ai supplementari.

Tanto possesso palla Real, ma poca concretezza; al contrario, i Colchoneros si dimostrano spietati quando arrivano sotto la porta avversaria. Non è un caso che passa appena un minuto e questi ultimi sono già in vantaggio grazie ad un gran gol di Diego Costa. Le Merengues sembrano poter reggere l’urto e prima pareggiano alla mezz’ora con Benzema, poi arrivano al gol del vantaggio nella ripresa grazie ad un rigore realizzato da Sergio Ramos.

Ma è pura illusione: ci pensa ancora Costa, quando mancano undici minuti alla fine dei tempi regolamentari, a ristabilire le cose in parità e a mandare le squadre all’extra time dove, di fatto, non c’è storia. In soli sei minuti, infatti, arrivano prima la rete del vantaggio di Saul Niguez, poi il gol del definitivo 4-2 firmato da Koke.

È trionfo Simeone, sebbene l’argentino non sia in panchina a causa di una squalifica in corso. Non si tratta certo di una rivincita delle due finali di Champions League perse in tre anni, ma è comunque un bello sgambetto agli odiati cugini ed un modo per mettere meritatamente in bacheca un trofeo internazionale.

Lopetegui dovrà rimboccarsi le maniche, ma anche Florentino Perez dovrà mettere mano al portafogli per aggiustare una squadra che evidentemente ha bisogno di qualche rinforzo, senza contare sulla posizione ambigua di Modric. È vero che i cicli sono destinati a finire, ma se si indossa la casacca più prestigiosa al mondo ciò deve costituire un’eccezione.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*