ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Volley, Mondiali 2018: non basta il cuore, Italia eliminata
Volley, Mondiali 2018: non basta il cuore, Italia eliminata
Osmani Juantorena of Italy

Volley, Mondiali 2018: non basta il cuore, Italia eliminata

Serviva un’autentica impresa per centrare la qualificazione alle semifinali, ma l’Italvolley non è riuscita nel miracolo sperato e torna a casa con un mesto quinto posto ai Campionati Mondiali 2018 organizzati in casa.

Dopo il cocente, a tratti umiliante, Ko contro la Serbia e la successiva sconfitta di quest’ultima per mano della Polonia, bisognava non soltanto vincere per 3-0 contro i campioni iridati in carica, ma anche non lasciare a costoro un bottino superiore ai sessanta punti totali al termine del match.

La forte pressione, una volta calcato il campo del Pala AlpiTour di Torino, non ha permesso la realizzazione di tutto ciò, e così già al termine del primo set sono stati i biancorossi a festeggiare: con il punteggio di 25-14 si sono assicurati l’accesso alle semifinali e allo stesso tempo il primo posto nel girone a danno dei balcanici.

Una volta sicura dell’eliminazione, si è sciolta la nazionale azzurra, riuscendo, pur con grande fatica, a portare a casa la partita con il punteggio di 3-2 (14-25 25-21 18-25 25-17 15-11). Ma non è stato sufficiente: come già accaduto otto anni fa nell’altra edizione casalinga, assistiamo inermi alla lotta per le medaglie che vedrà di fronte Brasile – Polonia (rivincita della finale di quattro anni fa) e Stati Uniti – Serbia.

“Sapevamo che sarebbe stato davvero molto difficile non lasciare neanche un set ad una squadra come la Polonia”, ha commentato al termine del match il commissario tecnico Gianlorenzo Blengini, che ha ammesso come tutta la squadra sia ovviamente delusa di un quinto posto che non può soddisfare nessuno. “D’altronde quando ci si trova con quattro posti disponibili e sei squadre di alto livello è una possibilità da tenere in considerazione, lo sport è anche questo”, ha aggiunto.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*