ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Innsbruck 2018. Azzurri a mani vuote, ma Moscon è il futuro dell’Italciclismo
Innsbruck 2018. Azzurri a mani vuote, ma Moscon è il futuro dell’Italciclismo

Innsbruck 2018. Azzurri a mani vuote, ma Moscon è il futuro dell’Italciclismo

Se ne va un altro Mondiale senza medaglie, in casa Italia. Dalla fantastica doppietta di Varese 2008 con Alessandro Ballan primo e Damiano Cunego secondo, nessun azzurro è riuscito a salire sul podio della prova in linea élite alle rassegne iridate. Torniamo a casa a mani vuote anche da Innsbruck 2018, pur consapevoli che apparteneva ad altri il favore del pronostico e che il cammino di avvicinamento dei nostri non è stato di certo dei più agevoli.

Quando, esattamente un anno fa, fu svelato il circuito di Innsbruck 2018, un nome saltò alla mente di tutti: Alejandro Valverde. Come il vino, più invecchia e più migliora, lo scalatore spagnolo, e così, dopo aver fatto incetta negli ultimi anni di Classiche di prestigio (su tutte, quattro Liegi – Bastogne – Liegi) doveva essere il suo Mondiale, questo. Nei precedenti ci era sempre andato maledettamente vicino, ma aveva sempre fallito l’obiettivo, quasi da doverci rinunciare al pensiero.

Invece, a 38 anni suonati, ecco la ciliegina sulla torta di una carriera sensazionale, alla quale mancava appunto quella maglia iridata per renderla davvero appagante. Era il favorito o perlomeno uno dei selezionati e ha mantenuto le attese, l’Imbatido. Chi, invece, non ha potuto esser della partita, è stato il nostro capitano designato, Vincenzo Nibali, un altro che quest’appuntamento l’aveva cerchiato di rosso. L’estro e il talento proprio non mancano allo Squalo, ma quando a due mesi dal Mondiale ci si frattura una vertebra toracica si capisce che le possibilità di giocarsi l’oro tanto atteso si riducono al lumicino.

Ha fatto i miracoli per essere qui, il messinese, ma proprio sul più bello ha dovuto alzare bandiera bianca di fronte ad una tattica di squadra apparsa un po’ azzardata: consapevoli delle proprie condizioni, perché mettersi in testa compatti all’ultimo giro e poi crollare quando invece è il momento di uscire? Bene per tre quarti di gara, gli uomini di Cassani, solo benino nel finale, in cui chilometraggio e dislivello si sono fatti sentire.

Si è salvato un ventiquattrenne dal futuro assicurato, Gianni Moscon, che su queste strade è di casa perché qui abita e si allena. Ma la sorte non è stata benevola neppure con lui, dal momento che – a torto o a ragione – è stato fermo ai box per due mesi proprio nel momento decisivo della stagione. È tornato alla grandissima, l’atleta trentino, vincendo Coppa Agostoni e Giro della Toscana, ma anche lui, dopo sei ore di gara, ha dovuto cedere a chi poteva contare su un avvicinamento sicuramente più sereno.

E così il quinto posto è quello che si ottiene. Può consolare il fatto che nazionali più blasonate della nostra (Gran Bretagna e Colombia su tutte) fanno una figura assai più magra, ma sapersi accontentare non è mai il massimo. Il futuro, ad ogni modo, per una volta appare meno oscuro che in passato.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*