ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Nazionale, ancora un successo per l’Italia: battuta la Bosnia in rimonta
Nazionale, ancora un successo per l’Italia: battuta la Bosnia in rimonta

Nazionale, ancora un successo per l’Italia: battuta la Bosnia in rimonta

Continua a vincere e convincere la nazionale italiana guidata da Roberto Mancini: dopo la facile vittoria sulla Grecia, arriva il successo – più sofferto, ma ugualmente meritato – sulla Bosnia, che ci permette di blindare il primo posto nel Girone J valido per le qualificazioni ai Campionati Europei 2020.

È uno Juventus Stadium tutto esaurito, quello che ospita i nostri portacolori contro gli ostici balcanici, che hanno tra le proprie file conoscenze del calcio italiano come Pjanic e Dzeko. Ed è proprio l’attaccante della Roma a sbloccare l’incontro poco dopo la mezz’ora, quando la punta della Roma finalizza una bella azione corale messa a punto dai suoi compagni.

Si tratta del primo gol subito dall’Italia dopo sei partite di porta inviolata, ma ciò non scoraggia gli azzurri, che dopo aver chiuso in svantaggio il primo tempo, entrano con un piglio diverso in campo nella ripresa e si affidano agli uomini più talentuosi: prima Lorenzo Insigne rimette le cose in parità con un capolavoro sugli sviluppi di un corner, poi, nel finale, Marco Verratti che batte Sehic e fissa il risultato definitivo sul 2-1.

E così torna in parità il bilancio tra Italia e Bosnia: l’unico precedente fu proprio a favore nei nostri avversari e, nel 1996, costò la panchina ad Arrigo Sacchi, poco dopo sostituito da Cesare Maldini. Stavolta le cose sono ben diverse e, con la quarta vittoria su quattro incontri, gli azzurri hanno già un piede e mezzo a Euro 2020. Questa la situazione del Gruppo J: ITALIA punti 12, Finlandia 9, Armenia 6, Bosnia e Grecia 4, Liechtenstein 0.

Questa l’analisi del commissario tecnico Roberto Mancini al termine dell’incontro: “Nel primo tempo la loro pressione ci ha messo in difficoltà, ma non ci siamo fatti abbattere […] La reazione è quello che conta. Siamo l’Italia, non possiamo accontentarci di quattro vittorie”. Ora si va in ferie e si riprende a settembre per il rush finale delle qualificazioni europee.

Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*