ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Giro di Svizzera 2019, il ritorno di Viviani. Thomas cade e si ritira
Giro di Svizzera 2019, il ritorno di Viviani. Thomas cade e si ritira

Giro di Svizzera 2019, il ritorno di Viviani. Thomas cade e si ritira

Torna al successo Elia Viviani. Il campione italiano in forza alla Deceuninck – Quick Step si impone nella quarta tappa del Giro di Svizzera 2019 precedendo sul traguardo Michael Matthews (Sunweb) e Peter Sagan (Bora Hansgrohe), che resta il leader della corsa. Caduta e ritiro per Geraint Thomas (Ineos).

La Murten › Arlesheim (163.9 km), quarta fatica del Tour de Suisse, si rivela una vera liberazione per l’uomo in maglia tricolore. Ha dovuto attendere ben tre mesi dall’ultimo successo stagionale e soprattutto ha dovuto dimenticare un Giro d’Italia privo di emozioni, concluso con uno zero in tabella, un declassamento ed un ritiro anzitempo.

Recuperate le energie, mentali più che fisiche, eccolo in gara nella gara WorldTour elvetica. Se nella terza tappa solo un grande Peter Sagan riesce a precederlo, in un arrivo comunque più adatto al corridore slovacco, nessuno riesce a batterlo nella frazione odierna, caratterizzata da una breve salita di cinque chilometri ai meno venti alla conclusione, ma non abbastanza dura per estrometterlo dalla lotta per il successo.

E così viene finalizzato alla grande il lavoro della Deceuninck – Quick Step ed arriva la quinta affermazione personale in questo 2019. Dietro l’azzurro arrivano l’australiano Matthews e Sagan, mentre al quarto posto si piazza l’altro italiano Matte Trentin (Mitchelton Scott). Nella generale resta tutto più o meno immutato, con l’ex iridato in maglia oro con 10″ di vantaggio sul secondo classificato di oggi.

La tappa, comunque, viene anche ricordata per la caduta che vede coinvolti Andrey Zeits (Astana) e soprattutto Geraint Thomas (Team Ineos), finiti a terra a circa trenta chilometri all’arrivo e costretti al ritiro. Per quanto riguarda il gallese, doverosi gli accertamenti in ospedale, ma pare che possano essere escluse eventuali fratture che potrebbero compromettere la partecipazione al Tour de France (ciò sarebbe davvero un brutto colpo per la Ineos, già costretta a fare a meno di Chris Froome caduto al Delfinato).

Ordine d’arrivo 4^ tappa:

1 VIVIANI Elia Deceuninck – Quick Step 60 50 3:46:02
2 MATTHEWS Michael Team Sunweb 25 30 ,,
3 SAGAN Peter BORA – hansgrohe 10 18 ,,
4 TRENTIN Matteo Mitchelton-Scott 13 ,,
5 STUYVEN Jasper Trek – Segafredo 10 ,,
6 VANMARCKE Sep EF Education First 7 ,,
7 JANSE VAN RENSBURG Reinardt Team Dimension Data 4 ,,
8 GARCÍA CORTINA Iván Bahrain Merida 3 ,,
9 DEWULF Stan Lotto Soudal 2 ,,
10 LIENHARD Fabian Switzerland 1 ,,

Classifica generale:

1 1 – SAGAN Peter BORA – hansgrohe 11:37:28
2 4 ▲2 MATTHEWS Michael Team Sunweb 0:10
3 2 ▼1 ASGREEN Kasper Deceuninck – Quick Step 0:15
4 3 ▼1 DENNIS Rohan Bahrain Merida 0:16
5 5 – CRADDOCK Lawson EF Education First 0:21
6 6 – KÜNG Stefan Groupama – FDJ 0:25
7 7 – TRENTIN Matteo Mitchelton-Scott 0:32
8 12 ▲4 KONRAD Patrick BORA – hansgrohe 0:33
9 9 – CASTROVIEJO Jonathan Team INEOS 0:34
10 10 – SÁNCHEZ Luis León Astana Pro Team ,,


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*