ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Eurovolley donne 2019, Italia in semifinale: sconfitta la temibile Russia
Eurovolley donne 2019, Italia in semifinale: sconfitta la temibile Russia

Eurovolley donne 2019, Italia in semifinale: sconfitta la temibile Russia

Ancora un passo in avanti per la nazionale italiana femminile di volley: le azzurre guidate da Davide Mazzanti battono la Russia per 3-1 e si qualificano per le semifinali del Campionato Europeo 2019.

Dopo la vittoria netta nel punteggio, ma non troppo convincente, contro la Slovacchia, c’erano timori che questa nazionale, pur con il pass per Tokyo 2020 già in tasca, potesse tener testa alla Russia, una delle grandi favorite per la vittoria finale.

Invece sul campo è andata ben diversamente e il risultato sorride alle azzurre, che dopo un primo set lasciato alle avversarie trovano la forza di rimontare e portare a casa il match con il punteggio di 3-1 (25-27; 25-22; 27-25; 25-21 i parziali).

All’interno dell’Atlas Arena di Lodz, in Polonia, si giocano oltre due ore di intensa sfida, con le due squadre che puntualmente operano degli strappi l’una sull’altra, ma danno poi vita nel finale dei set ad una gara equilibrata. Alla fine hanno la meglio Paola Egonu e compagne (quest’ultima mette a segno ben 28 punti), tutte autrici di una prova maiuscola, nonostante alcune sbavature in qualche frangente potevano costare caro.

Spettacolare, in particolare, il quarto parziale, in cui le russe, in vantaggio 18-14, hanno subito la rimonta delle italiane finalizzata da un bell’aces di Sorokaite. L’attacco non andato a buon fine di Goncharova regala la vittoria alle nostre.

Superato lo scoglio Russia, non c’è da stare tranquilli: sabato 7 settembre (orario da definire) ci sarà la forte Serbia, che nel rispettivo quarto ha strapazzato la Bulgaria con un perentorio 3-0. Sono le favorite numero uno per la conquista del titolo, le atlete balcaniche, pertanto servirà una gara ancor più impeccabile da parte delle nostre portacolori per centrare quella finale che manca da troppo tempo.

Intanto, però, si è di nuovo tra le prime quattro d’Europa dopo otto anni.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*