ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > CDM Pista, non solo Ganna a Minsk: a medaglia anche Paternoster
CDM Pista, non solo Ganna a Minsk: a medaglia anche Paternoster

CDM Pista, non solo Ganna a Minsk: a medaglia anche Paternoster

Nella giornata che ha consacrato nella storia Filippo Ganna, in grado di abbattere per due volte il record del mondo nell’inseguimento individuale, oltreché di aggiudicarsi la scontata medaglia d’oro, la nazionale italiana di ciclismno su pista termina la prima tappa di Coppa del Mondo 2019/2020 di scena a Minsk con un ulteriore medaglia che proviene dall’omnium femminile e porta la firma di Letizia Paternoster.

Letizia Paternoster si conferma tra le più forti al mondo nella disciplina multipla, nonostante la giovanissima età (venti anni). Si comincia dallo scratch, in cui primeggia la statunitense Jennifer Valente davanti alla britannica Laura Kenny e alla nostra connazionale, che sale in cattedra nella seconda prova, la Tempo Race, mettendo tutti d’accordo alla pari della nordamericana.

Con grande continuità, la trentina si ripete anche nella successiva prova, quella ad eliminazione: seconda piazza, stavolta, alle spalle della Kenny, con una classifica cortissima alla vigilia della decisiva corsa a punti. Qui, la Valente è indomita e va a vincere di nuovo aggiudicandosi l’oro, ma al secondo posto c’è proprio l’azzurra, che va dunque a cingersi al collo la medaglia d’argento.

Nulla da fare dal madison, invece, dove Elia Viviani (di bronzo nel suo omnium il giorno precedente) e Simone Consonni non vanno oltre il settimo posto con 27 punti nella gara vinta dalla Danimarca con 52 punti davanti alla Francia a quota 44 e alla Spagna con 41.

Si conclude con il bilancio di una medaglia d’oro, tre d’argento e altrettante di bronzo il primo weekend di CDM per la nazionale italiana. Risultati davvero preziosi, che permettono al gruppo guidato dai commissari tecnici Marco Villa ed Edoardo Salvoldi di incamerare preziosi punti validi per le qualificazioni olimpiche. E, anche se non è prova a cinque cerchi, la gemma di Filippo Ganna che sbriciola il record del mondo dell’inseguimento resta comunque una pietra miliare azzurra.

Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*