ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Tirreno-Adriatico 2020, il percorso ufficiale (con altimetrie, planimetrie e cronotabelle) e guida tv
Tirreno-Adriatico 2020, il percorso ufficiale (con altimetrie, planimetrie e cronotabelle) e guida tv

Tirreno-Adriatico 2020, il percorso ufficiale (con altimetrie, planimetrie e cronotabelle) e guida tv

Si alza ufficialmente il sipario sulla Tirreno – Adriatico 2020. Collocata tra il 7 e il 14 settembre, la Corsa dei due Mari potrà quest’anno beneficiare di una tappa in più richiesta dagli organizzatori. Il campione uscente è lo sloveno Primoz Roglic.

Diretta tv su Rai Sport ed Eurosport Player dalle ore 13.00. In occasione della prima e dell’ultima tappa, spazio anche su Rai 2 dalle ore 14.00.

Con otto tappe anziché sette, la Tirreno Adriatico ’20 sarà più che mai l’unica vera alternativa per coloro che vorranno preparare il Mondiale senza disputare il Tour de France. Andiamo a scoprire nel dettaglio tutte le tappe, con tutti i profili tecnici (altimetria, planimetria e cronotabella).

Lunedì 7 settembre, 1a tappa: Lido di Camaiore-Lido di Camaiore (133 km)
Martedì 8 settembre, 2a tappa: Camaiore-Follonica (201 km)
Mercoledì 9 settembre, 3a tappa: Follonica-Saturnia (217 km)
Giovedì 10 settembre, 4a tappa: Terni-Cascia (194 km)
Venerdì 11 settembre, 5a tappa: Norcia-Sassotetto (202 km)
Sabato 12 settembre, 6a tappa: Castelfidardo-Senigallia (175 km)
Domenica 13 settembre, 7a tappa: Pieve Torina-Loreto (181 km)
Lunedì 14 settembre, 8a tappa: San Benedetto del Tronto (cronometro individuale – 10.1 km)

Tappa n. 1 Lido di Camaiore – Lido di Camaiore, 133 km
Anziché la classica cronometro a squadre d’apertura, ecco una tappa in linea ad inaugurare la manifestazione: 134 km nella splendida località lucchese. Due i circuiti da affrontare: nei primi 90 km circa si percorre tre volte il circuito del Monte Pitoro (salita dal versante Massarosa), poi inizia il doppio giro tra Pietrasanta e Lido di Camaiore completamente pianeggiante, per un finale adatto ai velocisti.

Tappa n. 2 – Camaiore – Follonica, 201 km
Tappa mossa, ma con un unico GPM a Sassetta. Nel finale, circuito finale di 20 km caratterizzato dal breve strappo “dell’Impostino” che potrebbe spianare la strada a qualche attacco da finisseur.

Tappa n. 3 – Follonica – Saturnia, 217 km
Frazione dall’elevato chilometraggio e ondulata, che attraversa gran parte del territorio del Grossetano. Si scala per due volte il Muro di Poggio Murella (pendenze fino al 20%): in occasione della seconda volta, dalla cima mancheranno meno di 9 km all’arrivo, che presenta a sua volta pendenze attorno al 6%.

Tappa n. 4 – Terni – Cascia, 194 km

È la grande novità di quest’edizione, la tappa in più che coincide con le prime vere montagne. Dopo una prima parte più semplice, ma che tende sempre leggermente a salire, arrivano le varie scalate: prima la Forca di Gualdo, poi Rifugio Perugia e, dopo la discesa fino a Norcia, la salita di Ospedaletto, dalla cui cima mancheranno circa quindici chilometri, tutti in discesa.

Tappa n.5 – Norcia – Sarnano-Sassotetto, 202 km

È la tappa più attesa, quella regina. Si torna sul GPM già affrontato nel 2009 e nel 2018 (anno in cui vinse Mikel Landa), con lunghezza di 14.2 km, pendenze costanti attorno al 7% e arrivo a quota 1362 metri. Prima dell’ascesa conclusiva, però, ci sarà ancora da soffrire con le scalate a Pettino (15 km al 6/7%), Forca di Ancarano e Santa Margherita.

Tappa n. 6 – Castelfidardo – Senigallia, 178 km
Tappa ondulata nella prima parte e in seguito pianeggiante, con circuito finale completamente pianeggiante che fa da preludio ad un arrivo allo sprint.

Tappa n. 7 – Pieve Torina – Loreto, 181 km
Torna anche quest’anno la tappa dei Muri, tutti concentrati nei tre giri di circuito che portano la corsa fino a Loreto: si affronta tre volte lo strappo di Loreto (uno dei quali coincide con l’arrivo) e tre volte quello di Recanati. In precedenza, anche le salite di Montefano e Osimo ad indurire la corsa prima del circuito finale. Ultimi chilometri tutti in salita con pendenze attorno al 10%.

Tappa n. 8 –San Benedetto del Tronto (cronometro individuale), 10.1 km
La tradizionale conclusione della Corsa dei Due Mari è rappresentata dalla cronometro individuale di 10 km sul percorso che è il medesimo dal 2015. Il lungomare della cittadina marchigiana incoronerà il vincitore 2020.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*