ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Australian Open 2020, Thiem ci prova ma è ottavo trionfo Djokovic
Australian Open 2020, Thiem ci prova ma è ottavo trionfo Djokovic

Australian Open 2020, Thiem ci prova ma è ottavo trionfo Djokovic

Advertisement

Gli Australian Open 2020 si concludono secondo pronostico, ma al termine di una finale davvero combattuta e a tratti davvero incerta: Dominic Thiem ci prova in tutti i modi, ma a trionfare nel primo Slam dell’anno, andato in scena sul cemento di Melbourne, è Novak Djokovic.

Dopo le affermazioni 2008, 2011, 2012, 2013, 2015, 2016 e 2019, ecco l’ottava perla nella carriera del tennista serbo, quella che gli vale il record assoluto di successi in Australia e soprattutto il 17° Major, oltre che il ritorno sul trono del ranking ATP.

La finale del primo appuntamento clou dell’anno non è affatto una semplice passeggiata, come qualcuno poteva ipotizzare. Di fronte al giocatore slavo, un tennista solido, che ha meritatamente raggiunto l’ultimo atto battendo ossi duri come Rafael Nadal e Alexander Zverev.

Ci ha provato anche quest’oggi e per diversi tratti ha comandato il gioco. Il primo set gli è scivolato via per un doppio fallo nel momento decisivo, quando aveva appena rimontato da un parziale negativo; poi si è rimboccato le maniche, vincendo i successivi due set, portandosi così in vantaggio.

Ma Nole di finali a Melbourne non ne perde e così, rimboccatosi le maniche, eccolo venir fuori sulla distanza, pareggiando prima i conti e poi asfaltando l’avversario al quinto set. Dopo oltre quattro ore di lotta, il match finisce con il punteggio di 46 64 62 36 64.

Nuovi tennisti avanzano – da Medvedev a New York a Thiem qui in Oceania – ma sono ancora i vecchietti a comandare quanto davvero conta. E nello specifico Djokovic, che sul veloce è praticamente imbattibile. Ora è a meno due lunghezze dalla seconda posizione di Nadal nel computo degli Slam e a meno tre dal primatista Federer.

Numeri che lo riportano meritatamente sul trono del mondo, da dove era stato spodestato sul finire dello scorso anno proprio dallo spagnolo.

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*