ULTIME NEWS
Home > Notizie > Giro di Polonia 2020, Pedersen coglie la prima in maglia iridata. Jakobsen verso il risveglio
Giro di Polonia 2020, Pedersen coglie la prima in maglia iridata. Jakobsen verso il risveglio

Giro di Polonia 2020, Pedersen coglie la prima in maglia iridata. Jakobsen verso il risveglio

Dopo il terribile epilogo della volata di ieri, il Giro di Polonia 2020 vede sfrecciare, in occasione della seconda tappa, Pads Pedersen: il danese della T rek-Segafredo coglie così la prima vittoria in maglia iridata. Fabio Jakobsen (Deceuninck – Quick Step) verso il risveglio.

Partiamo dagli aggiornamenti relativi ai capitomboli che hanno coinvolti ieri tanti corridori in seguito all’enorme scorrettezza commessa in volata da Dylan Groenewegen. Quest’ultimo, che ha riportato la frattura della clavicola, si è profondamente scusato con tutti per quanto successo, ma c’è chi purtroppo ne avrà per molto.

È il caso proprio di Jakobsen, ricoverato in terapia intensiva dopo l’operazione di ieri sera, ha trascorso una notte tranquilla all’ospedale di Katowice. Lo sprinter olandese ha riportato seri traumi facciali e una forte ferita al petto che richiederanno altri interventi riabilitativi. La cosa più importante, ad ogni modo, che sia fuori pericolo di vita.

Tra gli altri corridori coinvolti, Marc Sarreau (Groupama-Fdj) ha riportato la rottura di alcuni legamenti e un trauma alla spalla; per il connazionale Damien Touzé (Cofidis) tripla frattura al dito indice; Eduard Prades (Movistar) frattura ad una vertebra cervicale.

Riguardo alla frazione odierna, si è corsa oggi la Opole-Zabrze, di 151.5 km. È stata volata, vinta dal campione del mondo in carica Mads Pedersen. Pilotato da tre compagni di squadra, il passista-veloce scandinavo ha avuto la meglio di sprinter puri come Pascal Ackermann (Bora Hansgrohe), mentre al terzo posto si è piazzato l’italiano Davide Ballerini (Astana). Quinto l’altro azzurro Alberto Dainese (Sunweb). Il vincitore odierno è anche il leader della generale.

Oggi si è corsa anche in Francia la seconda edizione del Mont Ventoux Dénivelé Challenge: ad avere la meglio è stato il russo Alexander Vlasov (Astana), che ha concluso la corsa terminante sul mitico Monte Calvo con un vantaggio di 18″ su Richie Porte (Trek-Segafredo) e 59″ su Guillame Martin (Cofidis). Quinto posto per Fabio Aru (UAE Team Emirates).


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*