ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Imola 2020, Ganna campione del mondo a cronometro!
Imola 2020, Ganna campione del mondo a cronometro!

Imola 2020, Ganna campione del mondo a cronometro!

Per la prima volta nella storia, un italiano sul tetto del mondo della cronometro: è Filippo Ganna, che a Imola 2020 va a conquistare una fantastica medaglia d’oro contro il tempo!

Una disciplina da sempre ostica per i colori azzurri, quella contro le lancette, con soltanto qualche sprazzo di colore – vedasi Marco Pinotti e la (purtroppo) breve parentesi di Adriano Malori – ma che ora ha un futuro davanti a sé.

Merito di Davide Cassani e dello staff della pista capeggiato da Marco Villa, che ah saputo dar vita ad una generazione di talenti che al punto più alto ha lui, Filippo Ganna.

Quattro volte campione del mondo dell’inseguimento individuale, ora il piemontese, a soli 24 anni, può fregiarsi anche della maglia iridata su strada. E lo fa con una prestazione maiuscola: 35.54.10 il tempo impiegato per percorrere 31.7 km (media di 53 km/h), ben 26″ meglio di Wout Van Aert (Belgio) e 29″ su Stefan Kung (Svizzera).

In testa sin dal primo intertempo, ha costantemente guadagnato sugli avversari, relegandoli su distacchi abissali. Il campione uscente, l’australiano Rohan Dennis, chiude appena quinto, preceduto anche dal britannico Geraint Thomas. Buon quattordicesimo posto per l’altro azzurro in gara, Edoardo Affini.

Ma la gloria è tutta per lui, quest’oggi, per Filippo Ganna, che una nuova pagina del ciclismo azzurro ha quest’oggi scritto.

“E’ un sogno per me, sono davvero felice – sono le prime parole pronunciate dal neo campione iridato – Negli ultimi giorni con i miei amici ho cercato di non parlare di questa cronometro perché non volevo arrivare qua con troppa pressione addosso”.

“Ho già vinto titoli mondiale su pista, è il mio primo a cronometro: ora voglio solamente festeggiare con la mia famiglia”, prosegue ancora, scherzando poi sulla differenza tra un titolo mondiale su pista e uno su strada: “Il secondo dura mezz’ora in più”.

Ordine d’arrivo:

1 GANNA Filippo Italy 350 250 52.981 35:54
2 VAN AERT Wout Belgium 250 190 52.349 0:26
3 KÜNG Stefan Switzerland 200 140 52.277 0:29
4 THOMAS Geraint Great Britain 150 110 52.086 0:37
5 DENNIS Rohan Australia 125 100 52.038 0:39
6 ASGREEN Kasper Denmark 100 90 51.849 0:47
7 CAVAGNA Rémi France 85 80 51.826 0:48
8 CAMPENAERTS Victor Belgium 70 70 51.732 0:52
9 DOWSETT Alex Great Britain 60 60 51.405 1:06
10 DUMOULIN Tom Netherlands 50 50 51.221 1:14
11 OLIVEIRA Nelson Portugal 40 40 51.198 1:15
12 BEVIN Patrick New Zealand 30 30 51.106 1:19
13 LEKNESSUND Andreas Norway 25 20 50.856 1:30
14 AFFINI Edoardo Italy 20 15 50.833 1:31
15 DURBRIDGE Luke Australia 15 10 50.720 1:36
16 SÜTTERLIN Jasha Germany 10 10 50.675 1:38
17 BJERG Mikkel Denmark 5 10 50.473 1:47
18 MARTÍNEZ Daniel Felipe Colombia 5 10 50.362 1:52
19 WALSCHEID Max Germany 5 10 50.273 1:56
20 GRADEK Kamil Poland 5 10 50.075 2:05
21 VAN EMDEN Jos Netherlands 10 49.878 2:14
22 THOMAS Benjamin France 10 49.878 ,,
23 ČERNÝ Josef Czech Republic 10 49.856 2:15
24 TRATNIK Jan Slovenia 10 49.661 2:24
25 MULLEN Ryan Ireland 10 49.510 2:31
26 BILBAO Pello Spain 10 49.467 2:33
27 BRÄNDLE Matthias Austria 10 49.445 2:34
28 BODNAR Maciej Poland 10 49.381 2:37
29 MCNULTY Brandon United States 10 49.084 2:51
30 CRADDOCK Lawson United States 10 49.021 2:54
31 ROCHE Nicolas Ireland 10 48.853 3:02
32 GRUZDEV Dmitriy Kazakhstan 10 48.665 3:11
33 KONONENKO Mykhaylo Ukraine 10 48.459 3:21
34 OLIVEIRA Ivo Portugal 10 48.417 3:23
35 RIKUNOV Petr Russia 10 48.295 3:29
36 ŠIŠKEVIČIUS Evaldas Lithuania 10 48.295 ,,
37 OTRUBA Jakub Czech Republic 10 48.254 3:31
38 PEÁK Barnabás Hungary 10 48.233 3:32
39 OYARZÚN Carlos Iván Chile 10 47.950 3:46
40 CASTILLO Ulises Alfredo Mexico 10 47.909 3:48
41 CATAFORD Alexander Canada 10 47.889 3:49
42 TZORTZAKIS Polychronis Greece 10 47.849 3:51
43 FOMINYKH Daniil Kazakhstan 10 47.849 ,,
44 LUDVIGSSON Tobias Sweden 10 47.749 3:56
45 KARPENKO Gleb Estonia 10 47.216 4:23
46 RITZINGER Felix Austria 10 47.157 4:26
47 ILIĆ Ognjen Serbia 10 47.021 4:33
48 CULLY Ján Andrej Slovakia 10 46.732 4:48
49 STEPANOV Andrei Russia 10 46.656 4:52
50 FISHER-BLACK Finn New Zealand 10 46.561 4:57
51 FILUTÁS Viktor Hungary 10 46.072 5:23
52 KARALIOK Yauheni Belarus 10 45.739 5:41
53 GYUROV Spas Bulgaria 10 45.721 5:42
54 ASADOV Elchin Azerbaijan 10 45.448 5:57
55 WAIS Ahmad Badreddin Syria 10 44.947 6:25
56 ÓMARSSON Ingvar Iceland 10 44.947 ,,
DNS HOULE Hugo Canada –


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*