ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Coppa Italia, una travolgente Atalanta conquista la finale
Coppa Italia, una travolgente Atalanta conquista la finale

Coppa Italia, una travolgente Atalanta conquista la finale

Semifinale di ritorno di Coppa Italia che non tradisce le aspettative, quella tra Atalanta e Napoli: dopo lo 0-0 dell’andata sono ben quattro i gol messi a segno dalle due formazioni, con gli uomini di Gasperini abili ad imporsi 3-1 chiudendo il match già nel primo tempo.

Dopo soli dieci minuti Zapata, lasciato libero al limite dell’area, scaglia un fendente che si insacca all’incrocio dei pali; gli azzurri subiscono un contraccolpo psicologico tale da non riuscire ad arginare le iniziative offensive della Dea che pochi minuti dopo trova il raddoppio con un bellissimo triangolo Pessina-Zapata che vede il giovane battere un incolpevole Gollini mandando le squadre negli spogliatoi sul 2-0.

Il secondo tempo vede un’iniziale reazione dei partenopei che accorciano le distanze con Lozano, abile nello sfruttare una buona iniziativa di Bakayoko sull’out di destra. Gli uomini di Gattuso hanno l’occasione del pari ma Gollini è bravo ad opporsi efficacemente ad Oshimen. Nel momento di massimo sforzo napoletano l’Atalanta trova il 3-1 con il solito Pessina che conclude in rete una magnifica azione dialogata sempre con Zapata. Gol che di fatto chiude il discorso qualificazione

Atalanta che vince e convince e che affronterà la Juventus in finale di Coppa Italia; la Dea ha dimostrato che la partenza di un simbolo come il Papu Gomez non ha minimamente intaccato il gioco e lo spirito dei suoi giocatori. Matteo Pessina si conferma un giovane di grandissima prospettiva che potrà diventare il nuovo pilastro della squadra di Gasperini e, perché no, anche della Nazionale.

Periodo nero invece per il Napoli dove la panchina di Gattuso inizia a tremare complici anche i dissapori con il presidente De Laurentis. Insigne e compagni sono chiamati al riscatto fin da subito: sabato al “Maradona” arriverà la Juventus.

Scritto da Federico Bigolin


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*