ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Roland Garros 2021, Berrettini ai quarti. Musetti spaventa Djokovic, poi crolla. Sinner Ko con Nadal
Roland Garros 2021, Berrettini ai quarti. Musetti spaventa Djokovic, poi crolla. Sinner Ko con Nadal

Roland Garros 2021, Berrettini ai quarti. Musetti spaventa Djokovic, poi crolla. Sinner Ko con Nadal

C’è ancora un italiano in gara al Roland Garros e corrisponde al nostro numero uno della classifica ATP: è Matteo Berrettini, che beneficia del ritiro di Roger Federer ed entra tra i primo otto dello Slam su terra rossa. Ko Lorenzo Musetti e Yannik Sinner.

Lo sapeva già con un turno di anticipo, Matteo Berrettini, di non poter incontrare il suo illustre avversario. Troppa fatica per Roger Federer dopo il match di oltre tre ore al terzo turno e per uno come lui, in gara dopo operazioni al ginocchio e con nel mirino Wimbledon, non aveva senso rischiare ulteriormente.

E così il tennista romano, unico italiano della storia ad aver centrato gli ottavi in tutti gli Slam, passa il turno senza giocare e ora attende Novak DJokovic, giustiziere di Lorenzo Musetti.

È stata una partita spettacolare, quella del diciannovenne azzurro, prima di un crollo fisico evidente. Per due set non solo aveva tenuto testa al numero uno del mondo, ma lo aveva dominato conducendo la partita. Avanti di due a zero, il blackout: senza più energie fisiche e mentali e probabilmente un problema all’inguine determinante, che lo costringe al ritiro al quinto set ormai già irrimediabilmente andato.

Resta comunque la grande prova e lo spavento per il serbo. Spavento che non prova il re incontrastato della terra rossa, vale a dire Rafael Nadal. Ci prova Yannik Sinner a vendicare le sconfitte contro lo spagnolo rimediate sia lo scorso anno proprio a Parigi che poche settimane fa a Roma. Ma il suo coraggio dura un set, poi la supremazia dell’iberico è netta.

Per quanto riguarda la parte bassa del tabellone, Tsitsipas – Medvedev e Davidovich – Zverev sono i due quarti.

Berrettini avanti, Musetti e Sinner fermi. Questa, in sintesi, la grande giornata azzurra nella capitale francese. Il torneo, comunque vada, resta da incorniciare per il nostro movimento.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*