ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Sinner-Berrettini, Italtennis da record: due azzurri in top 10
Sinner-Berrettini, Italtennis da record: due azzurri in top 10

Sinner-Berrettini, Italtennis da record: due azzurri in top 10

Mai prima d’ora, né nell’epoca d’oro dei Panatta & Co. e né tantomeno nell’Era pre-Open, il tennis azzurro aveva mai avuto due giocatori contemporaneamente nella top 10 del ranking mondiale. Il 1 novembre 2021 sarà dunque una giornata storica per i colori azzurri: Matteo Berrettini e Yannik Sinner saranno entrambi nel gotha del tennis.

Del tennista romano si parla tanto bene – e giustamente – da ormai due anni e i risultati che porta a casa mese dopo mese (fino al culmine della finale raggiunta a Wimbledon) sono la prova della sua costanza. Ora, tra i giovani terribili prodotti dal vivaio azzurro, c’è Yannik Sinner, che a 20 anni e due mesi sarà numero nove del mondo.

Neppure Roger Federer fu così precoce, dato che il campione svizzero raggiunse tale traguardo più vecchio di sette mesi. Soltanto Rafael Nadal e Novak Djokovic avevano fatto meglio, ma il Yannik Sinner ammirato quest’anno è praticamente inarrestabile: già quattro tornei messi in cascina, più la finale al Masters 1000 di Miami. E con la semifinale raggiunta al Masters 500 di Vienna, arriva la matematica certezza dell’approdo tra i giganti della racchetta.

Un’ascesa vertiginosa, quella del rappresentante altoatesino: appena tre anni fa era oltre la 700a posizione al mondo, due anni fa ancora oltre 500^ piazza e ora, invece, è lassù assieme ai mostri sacri degli ultimi decenni.

Soltanto una volta due italiani erano stati vicini ad incrociarsi nelle posizioni che più contano a livello mondiale, ma per poche settimane tutto ciò non si verificò: mentre Adriano Panatta usciva per sempre dalla top 10, Corrado Barazzutti faceva il suo ingresso. In epoca più recente, invece, il solo Fabio Fognini riuscì a raggiungere tale traguardo.

Diverso il discorso al femminile, dove nel decennio scorso abbiamo avuto ben quattro giocatrici tra le prime dieci al mondo: stiamo parlando, ovviamente, delle grandissime Flavia Pennetta, Francesca Schiavone, Sara Errani e Roberta Vinci.

Ora con Berrettini, Sinner e gli altri buoni elementi del panorama giovanile (da Sonego a Musetti), l’Italia può davvero sognare in grande, a partire dalla conquista di quella Coppa Davis alzata al cielo solo una volta nella storia.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*