ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Bridgestone analizza il circuito del Mugello
Bridgestone analizza il circuito del Mugello

Bridgestone analizza il circuito del Mugello

Bridgestone compie un’analisi accurata del circuito del Mugello, dove si correrà il prossimo Gran Prix. Il circuito italiano è uno dei amati dai piloti e dai tifosi per la splendida cornice e al suo disegno, sul quale le moto della Classe Regina riescono ad esprimere tutta la loro potenza.

In questo tracciato si riescono infatti a raggiungere le velocità massime di tutta la MotoGp. I piloti riescono a far arrivare il contachilometri anche ai 350 Km/h. La Bridgestone, per questo ed altri motivi, sta studiando attentamente il circuito per capire quali mescole si adattano meglio all’asfalto del Mugello.

La prima curva, la San Donato, è molto lenta a destra e quando si sta per imboccare occorre tirare il freno molto intensamente perché è posizionata alla fine del lungo rettilineo. Le sezioni della Casanova-Savelli, delle Biondetti, e dell’Arrabbiata 1 e 2 impongono anche oro notevoli livelli di aderenza e trazione delle gomme.

In queste parti del tracciato troviamo nove curve a destra e sei a sinistra e la Bridgestone propone pneumatici slick posteriori asimmetrici con gomma più dura sulla spalla destra. Per le gomme anteriori invece, Bridgestone metterà a disposizione delle squadre tutte le opzioni possibili, al fine di consentire ai piloti di correre con ogni condizione meteorologica.

Nel caso in cui si correrà sotto la pioggia, la Bridgestone prevede l’uso di gomme con mescola dura, anche se lascerà l’opzione di montare gomme da bagnato con mescola più morbida per aderire meglio alle temperature più fredde.

Shinji Aoki, Manager di Bridgestone Motorsport Tyre Development Department, ha dichiarato che “il Mugello è uno dei circuiti più veloci in calendario e mette a dura prova le gomme a causa di questa elevata velocità, con la pista che può raggiungere una temperatura superiore a 50ºC. Dobbiamo pur sempre considerare che possono verificarsi temperature più basse, in particolare nelle sessioni mattutine, o rovesci.”


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*