ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Fiorello riscrive Inno d’Italia Mameli per i Mondiali 2014 di Brasile
Fiorello riscrive Inno d’Italia Mameli per i Mondiali 2014 di Brasile

Fiorello riscrive Inno d’Italia Mameli per i Mondiali 2014 di Brasile

Fiorello il Mito: non è certamente uno di quei tipi perfetti che non si scompone mai, anzi. La sua vita ha dimostrato il contrario. Eppure, la nazione intera non smettera mai di apprezzarlo per il modo in cui affronta le cose, con il sorriso sempre sulle labbra nei momenti difficili.

E a proposito di momenti difficili, sarà la nazionale italiana ad affrontarne uno nei prossimi giorni, dal momento che manca circa una settimana al celebre inizio dei Mondiali 2014 di Brasile, evento che prenderà piede grazie alla partita di esordio che si terrà il 12 di giugno con due squadre di rilievo, e cioè il Brasile padrone di casa e la Croazia, che disputeranno un interessante match alla celebre Arena Corinthias di San Paolo.

Di contro, l’Italia dovrà affrontare un momento difficile con i gironi, dal momento che il suo è stato definito quello della morte: dovrà affrontare Inghilterra, Uruguay e Costa Rica, la prima delle quali il 14 di giugno. Si ricorda che gli inglesi ostenteranno un Rooney in piena forma, mentre l’Uruguay è incerto sul futuro a breve di Suarez, infortunato ed operato pochi giorni fa al menisco, attualmente in recupero. Il Costa Rica, invece, potrebbe essere una spiacevole sorpresa.

Ma tornando a Fiorello, è lui che nelle ultime ore ha diffuso online il suo Inno d’Italia di Mameli riscritto: le prime parole sembrano una recita della formazione, dal momento che comincia dicendo “Barzagli, Bonucci, Chiellini , De Rossi…”.

Egli ha deciso di dedicarlo come buon augurio alla nazionale italiana in partenza per i Mondiali di calcio del Brasile: è stato scritto basandosi sui nomi dei 23 azzurri, convocati da Prandelli. Anzi, se si vuole essere precisi, 24, dal momento che c’è anche la riserva Ranocchia, dato che Fiorello è interista!


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*