ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Calciomercato, Cairo provoca la Roma: chiesti 61 milioni per Cerci
Calciomercato, Cairo provoca la Roma: chiesti 61 milioni per Cerci

Calciomercato, Cairo provoca la Roma: chiesti 61 milioni per Cerci

Il presidente del Torino, Urbano Cairo, provoca la Roma interessata al cartellino di Alessio Cerci, valutando l’attaccante 61 milioni di euro.

Urbano Cairo non ha alcuna intenzione di privarsi di Alessio Cerci dopo aver visto il capocannoniere di Serie A, Ciro Immobile, partire alla volta della Germania per stabilirsi al Borussia Dortmund. Certamente per la prossima stagione il Torino dovrà quindi fare a meno della coppia del gol Cerci-Immobile ma Cairo vorrebbe perlomeno conservare il duttile esterno anche il prossimo anno.

Per far comprendere la sua scarsa volontà di vendere Urbano Cairo ha usato gli stessi metodi adoperati da Sabatini, asserendo che quest’ultimo ha valutato Benatia a 61 milioni di euro a maggior ragione Cerci vale quella cifra.

Cairo ha poi sottolineato che Cerci sta giocando benissimo da due campionati, in cui ha offerto prestazioni decisamente sopra le righe e che il Torino non ha alcun desiderio di cedere il calciatore, nè di fissare un prezzo realistico, esercizio in cui, secondo Cairo, è più bravo Sabatini.

Sembra quindi che Urbano Cairo farà proprio di tutto per trattenere Alessio Cerci a Torino dovendo affrontare la prossima stagione anche l’impegno europeo ottenuto grazie alla qualificazione in Europa League arrivata a discapito del Parma, escluso per irregolarità finanziarie.

Urbano Cairo ha probabilmente usato questi toni anche per rassicurare i tifosi preoccupati di perdere Alessio Cerci nello stesso modo in cui hanno perso Ciro Immobile appena due giorni fa. Il Torino avrà certamente bisogno di rinforzi per puntar e a riconfermarsi il prossimo anno, sempre che riesca a sostituire Immobile con un calciatore dello stesso valore.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*