ULTIME NEWS
Home > Mondiali di Calcio Brasile 2014 > Mondiali 2014, Argentina-Slovenia 2-0, gol di Messi Alvarez
Mondiali 2014, Argentina-Slovenia 2-0, gol di Messi Alvarez

Mondiali 2014, Argentina-Slovenia 2-0, gol di Messi Alvarez

L’Argentina ha fatto faville nell’ennesima sfida che ha preceduto i Mondiali 2014 di Brasile, ed è pronta a giocarsi il celebre da protagonista: il team comandato dal commissario tecnico Sabella, che si è messo in campo a sorpresa con un inatteso 3-5-2, ha davvero stupito nell’ultimo test prima dei Mondiali che c’è stato nella capitale argentina, Buenos Aires.

Infatti, nelle ultime ore c’è stata la sfida della nazionale sudamericana contro la Slovenia, sfida grazie alla quale i giocatori argentini sono sembrati psicologicamente e fisicamente pronti per la kermesse brasiliana: sono stati ottimi sia i giocatori titolari e sia le riserve.

Ricky Alvarez si trova adesso in grande condizione, Mascherano poi si comporta vero leader, e il trio Di Maria, Aguero e Messi si capisce al volo: nella sfida di ieri, comunque, non hanno avuto modo di far vedere di che pasta sono fatti Higuain, Garay, Zabaleta e Palacio. In ogni caso, l’Argentina stupirà durante questi Mondiali, e le altre squadre devono tenerla d’occhio.

La partita si è svolta nel seguente modo: nel primo tempo l’Argentina ha giocato con molte riserve, ma nonostante ciò è riuscita a mettere in difficoltà la Slovenia sia sul piano del gioco che dal punto di vista dell’organizzazione.

Poco ci è voluto per segnare, grazie a Ricky Alvarez, apparso in grande forma, che ha ottenuto il pallone di gioco sulla trequarti, e con una grande cavalcata ha tirato una cannonata con il sinistro: primo gol per lui in Nazionale argentina.

Nella ripresa, dopo 10 minuti, il commissario tecnico Sabella mette insieme quattro giocatori dalla panchina, e cioè Messi, Aguero, Di Maria e Gago: adesso tutto il gioco dell’Argentina cambia ed arriva il raddoppio, con un colpo di testa di Messi che segna la fine della partita con un 2 a 0.


Loading...

About Fabio Porpora

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*