ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Liegi-Bastogne-Liegi 2021, il percorso ufficiale
Liegi-Bastogne-Liegi 2021, il percorso ufficiale

Liegi-Bastogne-Liegi 2021, il percorso ufficiale

La chiamano la Doyenne perché è la più antica delle grandi classiche del ciclismo, essendo nata nel lontano 1982: la Liegi-Bastogne-Liegi 2021, quarta Monumento della stagione, in programma domenica 25 aprile, è l’ultima prova del Trittico delle Ardenne e l’atto conclusivo della campagna del Nord cominciata sulle pietre del pavé. Nel 2018 ad imporsi fu il lussemburghese Bob Jungels, nel 2019 vinse Jakub Fuglsang davanti a Davide Formolo, mentre nel 2020 arrivò primo Primoz Roglic davanti a Julian Alaphilippe.

tv Dirette tv su Rai Sport ed Eurosport a partire dalle ore 14.00.

 Piccole ma non marginali variazioni sul percorso della Liegi rispetto a quanto visto nell’ultima edizione. Tenendo realmente fede alla propria denominazione, la corsa mantiene il suo epilogo proprio a Liegi, dove arrivò per l’ultima volta nell’ormai lontano 1991, quando a vincere fu Moreno Argentin. Sono 259.5 i km previsti, con partenza sempre da Liegi.

Le difficoltà, in quella che rimane come una delle Classiche più dure in calendario, cominceranno ad arrivare dopo 75 km, quando si affronterà la prima delle 11 cotes in programma, la Roche en Ardenne. Le cose si faranno ancora più interessanti a poco meno di cento chilometri all’arrivo, quando sarà riproposto un trittico di asperità che mancava dal 2015, vale a dire quello composto da Wanne – Stockeu – Haute-Levée.

A questo punto, dopo il Col du Rosier, non si scalerà il Col du Maquisard, bensì la Côte de Desnié (1600 metri con pendenza media dell’8%). Poi, a 35 km alla conclusione, la salita simbolo della Doyenne, la Redoute (due km all’8,9%), seguita dopo dodici chilometri dalla Côte de Forges (un km al 7,8%). Infine, ai meno quindici chilometri, la Roche aux Faocons (1.5 km al 9.4%), che oltre ad essere la salita più dura della corsa sarà, stavolta, anche quella decisiva, col traguardo posto sulla boulevard d’Avroy.

Di seguito l’altimetria e la planimetria.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*