ULTIME NEWS
Home > Coppe Europee > Champions League > Champions, Gent-Wolfsburg 2-3: partita dai due volti; si decide al ritorno
Champions, Gent-Wolfsburg 2-3: partita dai due volti; si decide al ritorno
Foto Afp

Champions, Gent-Wolfsburg 2-3: partita dai due volti; si decide al ritorno

Sembrava un ottavo minore, e invece… Gent-Wolfsburg è finita 2-3, tanti gol e tutto rinviato al ritorno: in luce il gioiellino Draxler, doppietta prima delle fiammate belghe.

Bella partita tutto sommato, quella giocata alla Ghelamco Arena. Wolfsburg capace di dominare in lungo e in largo per oltre un’ora (la maggiore esperienza europea si è fatta sentire) e di andare avanti addirittura di tre reti prima di subire il ritorno di fiamma dei biancazzurri belgi nel finale, che sono riusciti a tenere in vita il sogno di avanzare fino ai quarti.

Il ritorno dell’8 marzo in Germania non sarà per nulla una passeggiata per i Lupi: la squadra di Hecking resta favorita per la qualificazione, ma nulla potrà essere lasciato al caso.

Anche se finalmente è sbocciato a un certo livello il talento di Julian Draxler: il trequartista tedesco, a lungo inseguito in estate dalla Juve, ha realizzato una pregevole doppietta a cavallo fra primo e secondo tempo, prima dello 0-3 di Kruse.

Da segnalare le due perle del ragazzo ex Schalke: uno-due con Vieirinha e palla in rete nella prima frazione; al 50’ circa furto di palla con scasso a forma di pallonetto dentro la serranda, maldestramente difesa, della porta dei belgi di Vanhaezebrouck.

Al 60’ poi è arrivato il gol di Kruse, su cross di Träsch, per il 3-0. La partita, a quel punto, sembrava davvero essere chiusa, nonostante i due legni, uno per parte, dello stesso Kruse e di Kums per il Gent.

E invece il Wolfsburg ha avuto il demerito di calare: proprio Kums all’80’ e i due subentrati Saief e Coulibaly all’89’ hanno confezionato il 2-3 finale. Il Gent insomma ci spera ancora, il Wolfsburg se l’è combinata ma conta sul superiore tasso tecnico per il ritorno fra tre settimane.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*