ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Liga, 1ª giornata: il Barça già a tennis, il Real risponde, l’Atletico no. Il riepilogo
Liga, 1ª giornata: il Barça già a tennis, il Real risponde, l’Atletico no. Il riepilogo
Sergi Roberto-Messi-Suarez Barcellona-Betis Liga, foto Afp

Liga, 1ª giornata: il Barça già a tennis, il Real risponde, l’Atletico no. Il riepilogo

Ha preso il via nel weekend la Liga spagnola: Barça già fenomenale, Real che sfrutta un Bale in gran forma e Simeone che stecca con l’Alaves. Il riepilogo.

La notizia più brutta del debutto del campionato spagnolo la regalano però alcuni imbecilli cosiddetti supporter dello Sporting Gijon, che durante il match con l’Athletic hanno insultato ripetutamente con i classici buu razzisti Iñaki Williams, attaccante basco di origini liberiane.

Una volta tanto il direttore di gara, l’arbitro Clos Gomez, non è rimasto passivo di fronte allo spettacolo reiterato e verso la mezz’ora ha sospeso la partita. Per la cronaca gli asturiani hanno vinto 2-1, col primo gol segnato dall’ex cagliaritano Duje Cop. La mamma degli idioti è sempre incinta e non abortisce mai: anche la Liga se n’è accorta.

Tornando al calcio vero, quello giocato, la Liga era iniziata sabato con l’1-1 fra Malaga e Osasuna (primo gol della stagione di Juanpi, pareggio di Fran Merida) e il 2-1 in rimonta del Depor contro l’Eibar (rigore decisivo a una manciata di minuti dal 90’ di Lucas Perez.

In serata lo spettacolo vero l’ha offerto, come al solito, il Barcellona di Luis Enrique: subito un tennistico 6-2 al Betis Siviglia nella sagra dei gol multipli. Doppietta per il biancoverde Ruben Castro e, dall’altra parte, subito doppietta per la Pulce bionda Messi e tris cannibalesco del solito Luis Suarez, che anche quest’anno si candida per il titolo di Pichichi.

Le buone notizie non finiscono qui: in attesa del rientro dell’olimpionico Neymar, Lucho si gode Arda Turan, 3° gol in 3 partite stagionali dopo la doppietta decisiva in Supercoppa di Spagna con il Siviglia.

Già, il Siviglia: dopo le scoppole nelle Supercoppe (Europea col Real, spagnola con i catalani) Sampaoli bagna il suo esordio nella Liga giocando pure lui a tennis: con l’Espanyol spettacoloso 6-4, col primo tempo pieno di botte e risposte finito 3-3.

In gol ci vanno praticamente tutti: da parte dei Periquitos segnano Piatti, Perez, Victor Sanchez e Gerard Moreno; per gli andalusi invece Sarabia, un Vietto in gran forma fa doppietta seguito dal Mudo Vazquez (anche due assist per lui), da Ben Yedder e da Kiyotake. I biancorossi tricampioni d’Europa League vogliono esserci eccome al gran ballo spagnolo.

Cui si autoinvita, e non potrebbe essere altrimenti, il Real campione d’Europa: in attesa che CR7 torni abile e arruolabile, il Madrid passa corsaro all’Anoeta di San Sebastian contro la Sociedad nel segno di Gareth Bale. Doppietta del gallese e primo gol da record dopo 1’12”: mister 100 milioni si conferma mattatore indiscusso contro i baschi, cui ha segnato negli ultimi tre precedenti di fila. Bale la chiude anche al 94’ dopo lo 0-2 firmato dal giovane Asensio. Zidane comincia con un sorriso: bene così.

Anche perché dopo 90’ di campionato l’Atletico è già costretto a inseguire: i colchoneros non vanno oltre l’1-1 contro il neopromosso Alaves. Non basta un assedio lungo tutta la partita: dopo due pali e occasioni sprecate e raffica, i Cholisti animano un finale incredibile, col rigore concesso al 48’ e trasformato dal nuovo acquisto Gameiro e con l’immediata risposta del Glorioso biancazzurro con l’eurogol di Manu Garcia al 50’.

Il Cholo Simeone resta dietro a tutte le grandi: il suo nuovo Atletico stecca la prima, ma quando tornerà Griezmann la sensazione è che con lui e il connazionale Gameiro, oltre che con Carrasco, Saul e Koke i biancorossi della Capitale torneranno presto a mordere.

Nell’altra partita il Granada impatta sull’1-1 il Villarreal degli italiani Soriano e Sansone: buona prova per entrambi, con l’ex doriano che colpisce un palo e l’ex Sassuolo che si guadagna la punizione che Castillejo trasforma prima del pari immediato di Ezequiel Ponce, in prestito dalla Liga).


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*