ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Premier, il trionfo di Antonio Conte: il made in Italy si conferma sul trono d’Inghilterra!
Premier, il trionfo di Antonio Conte: il made in Italy si conferma sul trono d’Inghilterra!
Antonio Conte allenatore Chelsea campione d'Inghilterra. indipendent.co.uk

Premier, il trionfo di Antonio Conte: il made in Italy si conferma sul trono d’Inghilterra!

Da Sir Claudio (Ranieri) a King Antonio Conte: il tecnico italiano del Chelsea diventa campione d’Inghilterra l’anno dopo il connazionale. E al primo tentativo!

È il sesto titolo nella storia dei Blues ed è il primo nella terra d’Albione, ovviamente, per l’ex tecnico della Juventus e commissario tecnico della Nazionale. Che, dopo la Serie A conquistata per tre volte di fila coi bianconeri, si mette in bacheca un titolo prestigiosissimo.

Che a Stamford Bridge mancava dal 2015, anno del Mourinho bis, e che consegna Antonio Conte alla storia dei Blues e del calcio britannico: il leccese è infatti il terzo che ottiene la Premier League al primo tentativo, come lo stesso Special One e Carletto Ancelotti.

Conte diventa pure il quarto allenatore italiano ad alzare al cielo il titolo inglese, succedendo ad Ancelotti, Roberto Di Matteo e soprattutto Claudio Ranieri, straordinario condottiero del Leicester dei miracoli lo scorso anno.

I meriti del tecnico italiano ci sono eccome: ha preso una squadra che l’anno scorso pareva bollita e finì decima, incapace di emettere uno squillo altisonante, e l’ha portata sul tetto d’Inghilterra senza cambiare nomi né interpreti, visto che l’organico è rimasto praticamente quello (a parte l’acquisto, e l’inserimento perfetto, di N’Golo Kante, eletto miglior giocatore in assoluto della Premier League).

In più Conte è stato capace di mettere in riga uno dopo l’altro tutti i colleghi che, ai nastri di partenza della Premier 2016/2017, si erano presentati come potenziali vincitori od outsider: dalle due Manchester targate Mourinho e Guardiola all’Arsenal di Wenger, dal Tottenham di Pochettino al Liverpool di Klopp sino all’Everton di Koeman e ai campioni uscenti del Leicester di Ranieri (passato a fine febbraio, ormai impossibilitato a nuocere, nelle mani di Shakespeare).

Conte ha sbaragliato tutta la concorrenza a suon di difesa a tre (Azpilicueta-David Luiz-Cahill), di rigore tattico e umile predisposizione al sacrificio di tutti i suoi calciatori. Magistrale nel tenere sempre desta l’attenzione dei suoi Blues, nel ridare vita a un Fabregas spesso decisivo con 11 assist e nel dare carta bianca a un Eden Hazard che sulla trequarti è fra i migliori d’Europa.

Inoltre Conte è riuscito a gestire anche gli spinosi casi di Terry – omaggiato contro il Boro – e Diego Costa – comunque autore della sua migliore stagione con 20 gol in Premier, 21 in totale, nonostante tutti i rumours piovuti addosso a cavallo di Capodanno.

Un capolavoro all’italiana, insomma: grazie anche al prezioso aiuto del secondo Angelo Alessio, degli assistenti Conte jr. e Carlo Cudicini, dei preparatore e vice preparatore atletico Paolo Bertelli e Costantino Coratti, del preparatore dei portieri Gianluca Spinelli e del consulente pt/nutrizionista Tiberio Ancora.

Quando il made in Italy trionfa all’estero anche il calcio se ne giova.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*