ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Wiggins, addio Sky dopo la Roubaix. Cavendish punta la Sanremo
Wiggins, addio Sky dopo la Roubaix. Cavendish punta la Sanremo

Wiggins, addio Sky dopo la Roubaix. Cavendish punta la Sanremo

WIGGINS, ADDIO SKY DOPO LA ROUBAIX. Rinnovo di contratto tra Bradley Wigins e il Team Sky. Il baronetto correrà per il team britannico fino ad aprile, puntando forte alla Parigi – Roubaix, classica già da un anno nel mirino. Dopo aver disputato e provato a vincere all’Inferno del Nord, l’ex vincitore del  Tour de  rance si dedicherà completamente alla pista, preparandosi specificatamente per il record dell’ora in programma nel mese di giugno e, magari, per i Giochi Olimpici di Rio 2016.

CAVENDISH PUNTA LA SANREMO. Mark Cavendish vuole il bis. Dopo il successo conquistato nel 2009, il britannico in forza alla Etixx – Quick Step vuole alzare di nuovo le braccia sul traguardo della Classicissima. Il ritorno del traguardo in Via Roma sembra essere molto apprezzato dall’ex campione del mondo, stando alle dichiarazioni del suo direttore sportivo Davide Bramati, per cui sta già lavorando duramente per essere al top per la prima classica monumento della stagione, in programma il prossimo 22 marzo.

COPPA DEL MONDO, GLI AZZURRI CONVOCATI. Si avvicina la terza tappa di Coppa del Mondo su pista, che si terrà i giorni 17 e 18 a Cali, in Colombia, prova fondamentale per l’assegnazione dei punti in vista dei Giochi Olimpici di Rio 2016. I commissari tecnici Marco Villa ed Edoardo Salvoldi hanno convocato i seguenti atleti:

– Donne: Beatrice Bartelloni, Maria Giulia Confalonieri, Annalisa Cucinotta, Simona Frapporti, Tatiana Guderzo, Silvia Valsecchi.

-Uomini: Liam Bertazzo, Alex Buttazzoni, Francesco Ceci, Simone Consonni, Filippo Fortin, Francesco Lamon, Michele Scartezzini.

Accolta con grande piacere la convocazione da Filippo Fortin, l’uomo di esperienza del nuovo GM Cycling Team che, dopo un anno sfortunato alla Bardiani-Csf, tenta il rilancio in carriera. Il direttore sportivo della squadra Alessandro Spezialetti sottolinea come sia “un onore” vedere un proprio atleta indossare la divisa della nazionale italiana e spera che questa chiamata azzurra possa essere “di buon auspicio” per la stagione.

 


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*