ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Ligue 1, 16ᴬ giornata: il Monaco ferma il Caen; male il Saint-Étienne
Ligue 1, 16ᴬ giornata: il Monaco ferma il Caen; male il Saint-Étienne

Ligue 1, 16ᴬ giornata: il Monaco ferma il Caen; male il Saint-Étienne

Il Monaco di El Shaarawy ferma il Caen e fa un favore al Psg. I monegaschi fanno 1-1 con la squadra seconda in classifica; il Lille sbanca Saint-Étienne.

Il Paris Saint-Germain dunque può continuare a dormire sonni tranquilli: il distacco dal Caen, attualmente seconda forza del campionato resta invariato, 13 punti di vantaggio. Merito della squadra del Principato di Bruno Jardim, che rischia il colpo grosso con Carrillo al 56’ ma si fa poi riprendere nei minuti finali da Rodelin.

I rossoblù della Bassa Normandia per ora restano al palo: per fortuna della squadra di Patrice Garande le altre non ne approfittano. Non il Lione né il Nizza, 0-0 ieri nei rispettivi impegni con Nantes e Lorient, e neppure il treno delle più immediate inseguitrici.

Il Saint-Étienne infatti, prossimo avversario della Lazio in Europa League, si fa beffare dal quasi fanalino di coda Lille: 1-0 con gol di Yassine Benzià e tre punti d’oro per la squadra di casa.

Tantissime invece le vittorie in trasferta: a iniziare dal Reims, che espugna 1-2 Guingamp con la doppietta di David N’Gog.

Passando poi per il Gazelec Ajaccio che, dopo le difficoltà iniziali, sembra aver ingranato sulla strada giusta centrando la sesta vittoria nelle ultime otto giornate con il 2-0 sul Montpellier: reti di Jacques Zoua al 48’ e John Tshibumbu Lungeny al 74’.

Concludendo poi con il Tolosa, che risponde alla vittoria del Lille e con un tondo 0-3 spedisce il Troyes sempre più in fondo alla classifica. Le marcature portano la firma di Issa Diop, Jean-Daniel Akpa-Akpro e Aleksandar Pesic.

Condannato invece a un campionato di sussistenza sembra invece il Bordeaux: i Girondins perdono anche con l’altra squadra corsa della Ligue 1, il Bastia; 1-0 il finale firmato dalla rete di Florian Raspentino nel finale.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*