ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Presentazione Serie A: finalmente si riparte, i cinque motivi per seguirla/1
Presentazione Serie A: finalmente si riparte, i cinque motivi per seguirla/1
can - 28.02.2017 - Torino - Coppa Italia Tim - Juventus-Napoli nella foto: Paulo Dybala

Presentazione Serie A: finalmente si riparte, i cinque motivi per seguirla/1

Oggi con Juventus-Cagliari e Verona-Napoli inizia la Serie A 2017/18. Sono tantissimi i motivi per seguire la nuova massima serie. Presentazione Serie A /1.

JUVENTUS, SARÀ CRISI DEL SETTIMO ANNO? Ad aprire i battenti della nuova stagione sarà la Juventus campione in carica. I bianconeri si presentano ai nastri di partenza con 6 scudetti consecutivi messi in bacheca: vincere il settimo vorrebbe dire entrare una volta nella leggenda, staccando ancor di più il record ora condiviso con la Juventus del Quinquennio d’oro di Carcano fra 1930  e 1935. La sconfitta in Supercoppa Italiana però ha ridimensionato un po’ le ambizioni della Juventus. Allegri l’ha comunque detto: solo lavorando tutti (ribadito tre volte) e senza presunzione si può continuare a vincere: la Vecchia Signora vuole rispettare il suo marchio di fabbrica.

RIVALI IN AGGUATO. Anche perché dietro Madama la concorrenza pare davvero agguerritissima. In primis c’è il Napoli: la squadra di Sarri non è cambiata di una virgola rispetto a un anno fa. Certo, il calciomercato è di ADL è stato finora avarissimo (l’unico arrivo di nota il francese Ounas) eppure gli azzurri giocano il calcio più bello del reame e con i tre tenori Callejon-Mertens-Insigne si candidano a scomodare la Juventus e a vincere lo scudetto.

Da non dimenticare ovviamente la Roma, giunta seconda lo scorso anno ma pur sempre seria pretendente alla vittoria finale. Gli addii di Salah, Paredes e Rudiger al momento non sono stati rimpiazzati, eppure Monchi ha portato in dote ai giallorossi diversi elementi di spicco che saranno senz’altro utili a Di Francesco.

Subito dietro l’incognita è rappresentata dalle due milanesi. Da una parte il rinnovatissimo Milan di Montella: i rossoneri hanno cambiato tanto – secondo i maligni anche troppo – anche se l’arrivo di tanti giovani e di un leader autentico come Bonucci hanno ridato tantissimo entusiasmo all’intera piazza; un entusiasmo su cui Montella conta di costruire l’identità del nuovo Diavolo. Dall’altra c’è l’Inter di Spalletti: mediana rinnovata con gli ex viola Borja Valero e Vecino; difesa con Skriniar e Dalbert; manca il vero colpo, ma il tecnico toscano sta lavorando soprattutto sullo spogliatoio e sulla tenuta mentale, fattori che dovranno servire ai nerazzurri per centrare almeno l’Europa che conta.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*