ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Roland Garros 2020: Sinner e Trevisan Ko, ma l’Italia sta diventando grande
Roland Garros 2020: Sinner e Trevisan Ko, ma l’Italia sta diventando grande

Roland Garros 2020: Sinner e Trevisan Ko, ma l’Italia sta diventando grande

Finisce ai quarti di finale il sogno degli italiani ancora in gara al Roland Garros 2020, ultimo Slam della stagione di scena sulla terra rossa di Parigi. Nonostante le sconfitte di Yannik Sinner e Martina Trevisan, c’è la forte sensazione che l’Italtennis sta pian piano diventando grande.

Era un match proibitivo, quello che vedeva opposti Yannik Sinner e Rafael Nadal. Ma in cuor nostro, un pochino quasi ci credevamo, pur sapendo che l’altoatesino doveva confrontarsi con il signore della terra battuta, il più grande di sempre su questa superficie.

Il nostro portacolori onora il match dal primo minuto, specialmente nel primo set mette qualche brivido al campione di Maiorca, ma quest’ultimo riesce a mantenere il sangue freddo e in tre set porta a casa l’incontro con il punteggio di 76 64 61.

Se Sinner è il futuro – perché tale è, ormai è inutile nascondersi – Nadal resta l’inossidabile presente e andrà a caccia della 13^ perla a Parigi, dovendo oltretutto fare a meno del finalista delle ultime due edizioni, quel Dominic Thiem recente vincitore agli US Open, battuto in cinque set dall’argentino Schwartzman.

Finisce anche il sogno di Martina Trevisan di qualificarsi tra le prime quattro di un torneo femminile in cui le outsider la stanno facendo da padrone. Finisce 63 61 al cospetto della polacca Iga Swiatek, la vera rivelazione del torneo in virtù dell’autorità con cui sta battendo chiunque le si presenti davanti.

Martina ha già vinto, comunque, perché partendo dalle qualificazioni è riuscita ad arrivare fino ai quarti e perché ha capito che d’ora in poi può dire la sua nel mondo del tennis.

Italia fuori, dunque, ma con la consapevolezza che i talenti su cui investire ci sono e finalmente, tra qualche tempo, si può aspirare in alto.


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*