ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Durasek fa suo il Giro di Turchia 2015
Durasek fa suo il Giro di Turchia 2015

Durasek fa suo il Giro di Turchia 2015

Dopo il settimo posto conquistato dodici mesi fa, Kristian Durasek compie un netto miglioramento e conquista il Giro di Turchia 2015. Una vittoria, quella del ventisettenne della Lampre-Merida, maturata nella terza tappa, conclusa alle spalle di Davide Rebellin, e coronata nella sesta, in cui è riuscito a distanziare l’italiano e gli altri diretti rivali in lotta per la classifica generale.

Un’ottima campagna turca, quella del team italiano, che ha potuto festeggiare anche il ritorno al successo – il primo stagionale – di Sacha Modolo, impostosi nella sesta frazione. Chi invece ha alzato le braccia al cielo nell’ultima, disputatasi quest’oggi su un circuito  nel centro di Istanbul, è stato Luis Mas, spagnolo della Caja Rural – RGA, grazie ad uno scatto decisivo ad un chilometro e mezzo al traguardo, che gli ha permesso di beffare i velocisti già pronti per l’ultimo sprint.

E così la volata, valevole per il secondo posto, ha visto Mark Cavendish (Etixx-QuickStep), autore di tre successi in quest’edizione, regolare il gruppo davanti a Carlos barbero (Caja Rural – RGA) e ad un quartetto di italiani: nell’ordine, Alessandro Petacchi (Southeast), Daniele Colli (Nippo-Fantini), Daniele Ratto (Unitedhealthcare) e Davide Appollonio (Androni-Sidermec).

Italiani sempre ben piazzati, dunque, in ciascuna tappa finora disputata. Unica nota stonata, la sfortuna di Davide Rebellin, che ha mancato il podio finale per una caduta – causata da un cane che gli ha attraversato la strada – costata all’atleta della CCC Sprandi Polkowice il ritiro nella tappa finale.

E così a salire sul podio finale, dietro a Durasek, sono l’argentino Luis Sepulveda (Bretagne-Seche) e Jay McCarthy (Tinkoff-Saxo). Due gli italiani in top ten: Mirko Selvaggi (Wanty-Groupe Gobert), sesto, ed Enrico Barbin (Bardiani-Csf), settimo.

https://www.youtube.com/watch?v=2gDwMISFMyc


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*