ULTIME NEWS
Home > Olimpiadi > Baku 2015, una sciabola d’oro e quattro pugni d’argento!
Baku 2015, una sciabola d’oro e quattro pugni d’argento!

Baku 2015, una sciabola d’oro e quattro pugni d’argento!

Si arricchisce ancora il bottino azzurro ai Giochi Olimpici Europei di Baku 2015. Messe oggi in cascina altre sette medaglie, di cui una d’oro, quattro d’argento e due di bronzo.

Il metallo più prezioso proviene ovviamente dalla scherma: è la sciabola maschile a squadre ad issarsi sul trono europeo, battendo in finale la Romania per 45-44. Una finale mozzafiato, quella di cui sono protagonisti  Luigi Miracco, Alberto Pellegrini, Giovanni Repetti, che vincono la gara contro i quotati giocatori dell’est – messe da loro in campo le primissime linee – all’ultima stoccata, con il meno esperto dei nostri, Murolo, che mantiene una freddezza tale da mettere KO il forte Dolniceanu. Un cammino perfetto, dunque, per i nostri ragazzi, che già in semifinale stendono la Russia per 45-42.

Ma non solo l’oro ci regala la scherma perché giungono anche due bronzi. Certamente gradito quello della spada femminile: sconfitte in semifinale dall’Estonia per 36-45, Giulia Rizzi, Camilla Batini, Brenda Briasco ed Alberta Santuccio conducono una grande sfida per il terzo posto contro la Russia: sempre sotto per due terzi della gara, riescono a ribaltare il punteggio grazie in particolare alla Santuccio, che mette a segno un parziale di 13-6, portando la sua squadra alla vittoria.

Forse un po’ di rammarico per il bronzo del fioretto femminile perché Alice Volpi, Valentina Cipriani, Carolina Erba e Chiara Cini, quartetto con tutte le carte in regola per giocarsi l’oro, vengono beffate in semifinale dalla sorprendente Francia, che ha nettamente la meglio per  45-29. Pronto riscatto nella finalina con la Polonia, sconfitta per 45-28.

Quattro finali del pugilato e quattro KO che valgono altrettante medaglie d’argento. Non ce la fannoMarzia Davide, Valentina Alberti, Vincenzo Picardi e Vincenzo Mangiacapre a regalare un oro alla spedizione azzurra: troppo forti si dimostrano, rispettivamente, la russa Elena Saveleva, impostasi per 0-3 nei 54 kg; l’altra russa Nastasiia Beliakova, vincitrice ancora per 0-3 nei 64 kg; l’azero Elvin Mamishada, 0-3 nei 52 kg; Collazo Sotomayor, cubano naturalizzato azer, 0-3 nei 64 kg.

Bene il nuoto, ma quest’oggi non arriva alcuna medaglia. Termina ai piedi del podio la rincorsa della 4×100 misti mista formata da Martina Rossi, Giulia Verona, Giacomo Carini, Alessandro Miressi, quarta col tempo di 3:56.17 dietro Russia (3:49.53), Gran Bretagna (3:52.03) e Germania (3:54.27). Bene in semifinale Ilaria Cusinato, già argento nei 400 misti, che stabilisce sulla mezza distanza il nuovo primato nazionale juniores e si qualifica per la finale con il 1° posto (2:14.35) (in finale anche Sara Franceschi con il 5° tempo, 2:15.85).

Ok Giulia Verona, in finale col secondo posto nei 100 rana, e Giacomo Carini, quarto tempo assoluto nella semifinale dei 100 farfalla (53.79). Vanno in finale nei 100 dorso Martina Rossi con il 6° tempo (1:03.62) e Tania Quaglieri con l’8° (1:03.25), Filippo Megli ottavo (1:51.24) nei 200 sl ed Alex Baldisseri ottavo nei 100 rana (1:02.88). Vengono invece eliminati nei 50 dorso Lorenzo Mora 13° (26.66) e Cristiano Hantjoglu 15° (26.74), Christian Ferraro 15° (55.50) nei 100 farfalla.

Va in semifinale l’Italia del beach soccer: l’Ungheria viene sconfitta per 5-4 con reti di Corisiniti, Marrucci, Zurlo e Gori a due minuti dal termine ed ora si entra in zona medaglie.

Uno su due per i due ragazzi impegnati nella time trial di BMX: passa in semifinale Romain Riccardi, l’italo-francese che ha totalizza nelle ultime due discese un terzo e un quarto tempo, mentre viene eliminato Matteo Furlan.

Finisce senza alcun podio l’avventura del judo in questa prima edizione dei Giochi Europei: vengono eliminati nei primi turni Antonio Ciano (cat. 81 kg), Andrea Regis (cat. 73kg), Maddaloni (cat. 80 kg), Giulia Cantoni (cat. 70 kg) ed Edwige Gwend (cat. 63kg).


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*