ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Lampre-Merida, blufucsia pronti per il primo ritiro a Darfo Boario
Lampre-Merida, blufucsia pronti per il primo ritiro a Darfo Boario

Lampre-Merida, blufucsia pronti per il primo ritiro a Darfo Boario

Comincerà come da consuetudine da Darfo Boario Terme la nuova stagione della Lampre-Merida. La  nota località termale bresciana ospiterà, dal 30 novembre al 3 dicembre, il primo raduno della formazione WorldTour italiana in vista del 2016.

Sarà l’occasione di effettuare le visite mediche (organizzate dal Centro Camuno di Medicina Sportiva Camillo Golgi) a ciascun atleta, di valutare materiali tecnici e di cominciare a mettere a punto le basi di una nuova annata che si preannuncia densa di appuntamenti.

L’intero organico sarò presente, eccezion fatta per il portoghese per il taiwanese Chun Kai Feng e l’etipoe Tsgabu Grmay. Sarà dunque l’occasione di conoscere l’ambiente e i nuovi compagni da parte dei nuovi acquisti, vale a dire il neoprofessionista Simone Petilli, i giovani talenti Louis Meintjes (MTN Qhubeka) e Matej Mohoric (Cannondale-Garmin), la sorpresa Continental Marko Kump (Adria Mobil) ed il giapponese Yukiya Arashiro (Europcar).

A guidare il raduno, il general manager Brent Copeland, affiancato dai responsabili dell’ufficio operativo Fabrizio Bontempi e Maurizio Piovani, dal coordinatore generale Andrea Appiani e dal responsabile dell’ufficio stampa Carlo Saronni.

Obiettivo della squadra sarà confermare quanto di buono fatto in questa stagione – da sottolineare, in particolare, le vittorie ottenute in tutti e tre i Grandi Giri – contando sui leader designati per i vari appuntamenti, da Alberto Rui Costa a Diego Ulissi fino a Sacha Modolo, e lanciando allo stesso tempo i tanti giovani desiderosi di emergere.

L’ambiente familiare di Darfo Boario Terme ci consentirà di impostare al meglio la prossima stagione“, dichiara il dirigente sudafricano, che sottolinea come questi incontri siano fondamentali “nell’ottica della cura di tutti i dettagli della programmazione e di tutte le esigenze dei corridori”.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*