ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Internazionali d’Italia 2017, cade il re della terra: Nadal ko con Thiem
Internazionali d’Italia 2017, cade il re della terra: Nadal ko con Thiem

Internazionali d’Italia 2017, cade il re della terra: Nadal ko con Thiem

Grossa sorpresa agli Internazionali d’Italia 2017: il re della terra battuta, il vincitore degli ultimi tre tornei su questa superficie, il dominatore incontrastato di questo secondo quarto di stagione cade clamorosamente sul Centrale del Foro Italico. È Rafael Nadal, che finisce Ko sotto i colpi dell’austriaco Dominic Thiem.

Si è trattato del terzo remake in un solo mese tra i due giocatori. Il primo in occasione della finale del Montecarlo Rolex Masters e allora non ci fu storia, col mancino di Manacor unico padrone del campo; il secondo due settimane più tardi nell’ultimo atto a Madrid e lo spagnolo, davanti al pubblico amico, dovette faticare non poco per avere la meglio del giovane talento. Alla terza opportunità Thiem è riuscito nell’impresa e ha piegato il numero quattro del ranking mondiale, nonché quarta testa di serie, con il punteggio di 64 63 in poco meno di due ore di gioco.

Si interrompe a diciassette la striscia vincente di Nadal, che in mezzo ai titoli a Monaco e Madrid ha fatto suo anche quello di Barcellona. Avrebbe voluto continuare il filotto in vista del Roland Garros – che rimane certamente l’obiettivo primario di questa stagione che l’ha riportato alla ribalta dopo due anni difficili – ma ha dovuto arrendersi a un giocatore che andrà ora a sfidare il vincente della sfida tra Novak Djokovic e Juan Martin Del Potro: match rinviato per pioggia, quest’ultimo.

Già decisa, invece, la semifinale della parte alta del tabellone, quella lasciata scoperta dalla prematura uscita di Andy Murray contro Fabio Fognini: a contendersi un posto in finale saranno Alexander Zverev e John Isner. Lo statunitense ha avuto la meglio in tre set di Marin Cilic (76 26 76), mentre il ventenne tedesco è riuscito a piegare in due parziali (76 61) il canadese Milos Raonic.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*