ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Vuelta al Tachira 2018, subito Androni: Malucelli vince la prima tappa
Vuelta al Tachira 2018, subito Androni: Malucelli vince la prima tappa

Vuelta al Tachira 2018, subito Androni: Malucelli vince la prima tappa

I campioni d’Italia subito a segno in Sudamerica: la Androni Giocattoli – Sidermec parte alla grande in questa nuova stagione vincendo la prima tappa della Vuelta al Tachira en Bicicleta 2018 grazie a Matteo Malucelli, primo leader della classifica generale.

Prima corsa dell’anno, prima vittoria italiana. Se il buongiorno si vede dal mattino, ci auguriamo che quest’annata sia ricca di soddisfazioni per i colori azzurri. Di certo renderanno cara la pelle a tutti i ragazzi della Professional guidata da Gianni Savio, che in una terra amata come il Venezuela mettono a segno il primo sigillo, proprio come accaduto un anno fa.

La 53^ edizione della corsa a tappe di scena dal 12 al 21 gennaio si apre con la tappa che da San Cristobal, capoluogo della regione del Tachira, conduce i corridori fino a Santa Bárbara de Barinas, dopo 182.60 km. Una frazione pianeggiante che, nonostante diversi tentativi di attacco da parte dei corridori locali, finisce, come da pronostico, in volata. E ad imporsi è Matteo Malucelli, ventiquattrenne di Forlì dallo scorso anno al servizio della Androni.

Se lo scorso anno era toccato al neoprofessionista Raffaello Bonusi rompere immediatamente il digiuno, stavolta è merito dello sprinter romagnolo, che nel 2017 colse tre vittorie stagionali tra Romania e Slovacchia. Sulla linea del traguardo, Malucelli precede una vecchia conoscenza del ciclismo italiano, quel Yonathan Monsalve (Venezuela País Futuro) che ha corso proprio per la stessa Androni, oltreché per la Wilier (allora Vini Fantini), e Orluis Aular (Gobernación de Yaracuy).

Ovviamente il vincitore odierno è anche il primo leader della classifica generale, ma non sarà facile difendere la maglia di leader nella seconda tappa, da Suripá a Borotá (173 km) in cui c’è un finale pianeggiante, ma prima dello stesso è prevista la scalata di una lunga salita che può tagliare le gambe ai velocisti.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*